NUOVO BLOG

mappamondo

Joyce Kozloff, JEEZ, 2012

Abbiamo creato un nuovo blog interamente dedicato al progetto ArtexiCre. Troverai nuove rubriche, nuovi lab e nuovi spunti per vivere un’estate a colori! Declinando il tema del CRE|GREST di quest’anno tutto dedicato a viaggi e viaggiatori,  la proposta di ArtexiCre si chiama NORD SUD OVEST ART! | itinerari geofantastici. Se sei curioso di scoprire qualche anteprima sui laboratori di questa estate non ti resta che dare un’occhiata a

http://artepericre.wordpress.com

ggggg

INTERVISTA AD ANGELO BALDUZZI

In occasione della mostra PER GLI OCCHI E PER IL CUORE abbiamo posto ad Angelo Balduzzi alcune domande per conoscere più da vicino la sua storia artistica e la sua poetica. [intervista a cura di Giulia Cortese]

gggggg

Che cosa ti ha spinto a intraprendere il tuo percorso artistico?

Ho aperto la mia bottega nel 1983, dopo aver lasciato il lavoro di ragioniere. Alla base c’è una forte passione di espressione. È qualcosa che ho sempre avuto, il sogno era di fare qualcosa di artistico, ma ai miei tempi non era così semplice e forse anche io all’inizio non ero così convinto. Questa passione, scelta per il mio l’amore per il creare, è  poi diventa qualcosa di diverso: condivisione, scambio ed emozione.

Per realizzare le tue opere ti dividi tra pittura e scultura, utilizzando talvolta anche materiali di recupero. Quale significato assumono per te l’utilizzo di queste diverse tecniche?

Quando si parla di significato bisogna fare un ragionamento, come quando mi chiedono che cosa vuol dire un quadro. Le mie opere nascono in modo naturale, spontaneo non c’è mai prima chissà quale pensiero. A volte mi capita in base ai periodi di avere a che fare con certi materiali e da lì mi viene voglia di utilizzarli e possono essere ferri vecchi, strumenti musicali, legni raccolti sulla spiaggia. Non c’è un ragionamento dietro, sono cose che trovo in giro. Per esempio da una vecchia asse da lavare ho realizzato una barca. Sono materiali che arrivano per caso, doni di amici e conoscenti che sanno che tra le mie mani gli oggetti rinascono. Sono eclettico, se facessi sempre solo una tecnica mi sentirei chiuso. Quando sono sereno e tranquillo, l’acquerello va bene, perchè ti permette di essere leggero e trasparente, mentre quando sono più nervoso utilizzo la tela e la tavola graffiata. Invece quando ho voglia di manualità uso l’argilla, senza pennello, non hai più niente tra te e il mani. Questo permette ogni giorno di trovare qualcosa da fare per esprimermi.

ggggg

Alcune recensioni descrivono i tuoi lavori come immersi in un mondo fiabesco. Ti ritrovi in queste parole?

Più che fiabesco secondo me fa tanto la fantasia, il sogno, la leggerezza. Va a momenti, momenti che abbiamo tutti. Se guardiamo i quadri, ognuno si può ritrovare in certi momenti che abbiamo vissuto e che arriveranno. Più che di fiaba parlerei di emozioni e di sentimenti.

Parlando delle illustrazioni per la diocesi di Bergamo, come è stato per te confrontarsi con un tema sacro?

Non è stata la prima volta che mi misuravo con temi sacri. Io sono cresciuto in oratorio, ho fatto un mio percorso di ricerca spirituale. Sono un cristiano con tutti i problemi e i difetti del caso, e questo mi ha aiutato nel realizzare queste opere. Quando sono stato contattato dagli uffici pastorali della Diocesi, da un lato sono andato in crisi dall’altro mi ha fatto piacere. La crisi poi è diventata qualcosa di diverso, ho iniziato a ragionarci; è diventata stimolo per affrontare temi che non sempre affronto (anche se c’è un velo di spiritualità dietro ai miei disegni, anche se non sono religiosi). Ho affrontato i temi proposti con un po’ di difficoltà, ma è stato molto stimolante.

Ci racconti qualcosa della Via Crucis che verrà esposta nella mostra al Museo Bernareggi? Ci spieghi poi la scelta di utilizzare una base lignea per queste opere?

Era già qualche anno che volevo affrontare quel tema, ma non riuscivo a trovare un’idea precisa. In quel periodo, era il 2009, era morto mio padre e nei mesi prima, quando stava male, ho iniziato a mettere giù qualche idea. Non volevo fare la classica Via Crucis, volevo cercare di vederla in modo diverso, cercare una mia via espressiva e interpretativa …ed è stato difficile. Sono nate diverse idee, schizzi, bozze.. ho realizzato 15 tavole, perchè ho inserito anche la Resurezzione.  E’ il pannello che  da il senso di tutta la Via Crucis.  Ho deciso di non usare l’acquerello, perchè volevo qualcosa di più sofferente, di meno leggero. Sulla tela ho steso vari strati di sabbia per renderla più ruvida, più sofferta e l’ho incollata su legno con un chiodo vecchio piantato. La scelta del legno come supporto è stata dettata da una casualità.  mentre stavo per concludere il lavoro,  un amico mi aveva dato delle vecchie ante di finestre, che sono poi diventati i supporti dei dipinti delle 15 stazioni. come dicevo prima, sono quelle cose che nascono in modo naturale.

ggg

xxx

Per gli occhi e per il cuore 2016 – Angelo Balduzzi

13 febbraio – 1 maggio 2016
Museo Adriano Bernareggi
.
Angelo Balduzzi in mostra

Anche quest’anno gli uffici pastorali della Diocesi di Bergamo, in collaborazione con la Fondazione Adriano Bernareggi, promuovono la mostra delle opere commissionate per illustrare gli itinerari di Avvento e di Quaresima. Dopo le esposizioni dedicate ad Alessandra Cimatoribus (2013) e a Nicoletta Bertelle (2015), quest’anno il Museo ospita le opere di Angelo Balduzzi: 10 tavole che illustrano i vangeli domenicali della Quaresima e del Triduo Pasquale.

Sono le immagini che ritmano e arricchiscono la vita delle comunità parrocchiali durante quest’anno pastorale. Immagini capaci di raccontare con tratti semplici e chiari il significato e l’attualità della Parola di Dio. Negli acquerelli di Angelo Balduzzi i riferimenti decisi e chiari ai brani evangelici si incontrano con una straordinaria capacità narrativa, che unisce concretezza e poesia.

xxx

In mostra ci saranno anche i quindici acquerelli della serie Le Opere di Misericordia e i quindici dipinti de La Via della Croce, realizzati da Angelo Balduzzi rispettivamente nel 2015 e nel 2009. Queste trenta opere arricchiscono l’esposizione e la rendono un’occasione di riflessione per bambini e adulti sui temi della Pasqua e della misericordia, cui è dedicato l’anno giubilare. A Le Opere di Misericordia e La Via della Croce sono dedicati tre laboratori creativi, rivolti ai bambini, ai preadolescenti e agli adulti degli oratori e delle parrocchie della Diocesi (l’intera offerta didattica è consultabile qui).

La mostra è il terzo episodio della rassegna PER GLI OCCHI E PER IL CUORE e ha l’obiettivo di presentare ai catechisti e agli operatori pastorali impegnati nell’iniziazione cristiana alcuni esempi significativi dell’arte dell’illustrazione a servizio dell’annuncio della fede. PER GLI OCCHI E PER IL CUORE è un’occasione per approfondire il rapporto tra segno, immagine e parola in ambito catechistico e per riflettere sulle figure che raccontano il Vangelo di Gesù ai bambini e ai ragazzi. Una mostra “per gli occhi e per il cuore” di tutti coloro, bambini e adulti, che hanno vissuto e vivono con meraviglia e impegno il cammino pastorale di quest’anno.

 

INFO E PRENOTAZIONI

Orari mostra
13 febbraio – 1 maggio  2016
da martedì a domenica
dalle h. 15 alle 18.

Previa prenotazione, i gruppi scolastici e parrocchiali possono visitare la mostra anche in orario mattutino.

Costi
Intero 5 € | Ridotto gruppi 3 € (min. 12 persone) | Ridotto scuole 2 € | Ridotto oratori 2 €

Info e prenotazioni
pastorale@fondazionebernareggi.it

Contatti
Museo Adriano Bernareggi
via Pignolo, 76 Bergamo
tel: 035 243539
http://www.fondazionebernareggi.it

SOPPORTARE PAZIENTEMENTE LE PERSONE MOLESTE.jpg

Arte X i Cre 2015 | Le foto migliori della quarta settimana

La quarta settimana ha visto come protagonisti i Cre di Pradalunga, Longuelo, Brusaporto, Osio Sotto, Stezzano, Bolgare, Vercurago, Casnigo, Lallio e Spirano. Se l’anno scorso un Luglio piovoso aveva atteso i Cre, quest’anno è andata ben diversamente, con delle splendide giornate di sole che hanno fatto da contorno all’esperienza dei ragazzi giunti al Patronato San Vincenzo.

Vi lasciamo con le immagini più belle della quarta settimana di Arte X i Cre!

Arte X i Cre 2015 | Rassegna Stampa #1

“Abbasso la pastasciutta!” è il titolo divertente, e anche un po’ provocatorio, di Arte X I Cre 2015, la proposta dello staff dei Dipartimenti Educativi della Fondazione Adriano Bernareggi che torna a ravvivare l’estate degli oratori proponendo laboratori ed esperienze per bambini e ragazzi. Il grande filo conduttore di questa edizione è infatti il mangiare dell’uomo: non poteva essere altrimenti visto il tema di Expo 2015. In linea con il Cre 2015 Tuttiatavola, lo staff dei Dipartimenti Educativi della Fondazione Bernareggi si sta dando da fare per offrire a tutti coloro che partecipano esperienze indimenticabili.
Dal 17 giugno al 24 luglio siamo tutti invitati a preparare e prender parte ad un banchetto che unisce la cucina e il cibo alla creatività e all’arte.
Scopriamo allora insieme un assaggio di Arte X I Cre 2015!

Veronica Cuni
www.santalessandro.org